Riso Maratelli semilavorato 1kg

REF: 1985

Quantità
4,80 € Prezzo al kg 4,80 €
Prodotto imballato 1.03 kg
Dettagli sui costi di spedizione

Gruppi sanguigni:

array:2 [
  6 => array:4 [
    "values" => array:1 [
      0 => "senza vetro"
    ]
    "name" => "Packaging"
    "id_feature" => "6"
    "value" => "senza vetro"
  ]
  7 => array:4 [
    "values" => array:4 [
      0 => "O"
      1 => "A"
      2 => "B "
      3 => "AB"
    ]
    "name" => "Gruppo Sanguigno"
    "id_feature" => "7"
    "value" => "O, A, B , AB"
  ]
]
OGruppo O AGruppo A B Gruppo B ABGruppo AB

Dettagli

Tra le più antiche varietà di riso italiano, nel 2013 l’Azienda Agricola Cascina Canta è diventata conservatore della varietà storica del seme Maratello con decreto Ministeriale del 5 Aprile 2013.

La varietà è stata individuata in campo da Mario Maratelli  nel 1914, ed è stata registrata nel Registro Nazionale delle Varietà.

Da quel momento il riso Maratelli fu una delle varietà più coltivate e apprezzate, e probabilmente anche voi avrete sentito parlare di risotti, panisce novaresi e panisse vercellesi, realizzati con questa varietà di riso, dalle vostre nonne, zie, o magari ne conservate voi stessi un piacevole ricordo legato alla vostra infanzia!

Negli anni ’70 la popolarità di Maratelli scese notevolmente, a favore di varietà nuove e più produttive, fino a scomparire quasi del tutto.

Ma appunto, quasi del tutto, perchè infatti in un piccolo campo di una piccola frazione di Novara, due giovani caparbi e appassionati di agricoltura, Eusebio Francese  e Bellotti Bianca continuarono a coltivare nelle loro risaie il riso Maratelli, il riso della tradizione piemontese –  “Sono orgoglioso di custodire quel marchio centenario”- dice Eusebio.

Solo lui e la moglie Bianca, con pervicacia e ostinazione, lo coltivano da anni contro le leggi di mercato e il parere di tutti. La loro tenacia, insieme a quella delle figlie Maddalena e Isabella Francese, è stata premiata dal ministro delle Politiche Agricole che ha iscritto il Maratelli nel Registro Nazionale delle varietà storiche d’Italia.